Figura 1- Sandra Mantovani e Bruno Pianta

Figura 2- Sandra Mantovani e Bruno Pianta. Servi Baroni e Uomini. Albatros, Italia, 1970. 

Genere
Area geografica di riferimento
Aree geo-culturali
Interprete/interpreti

Sandra Mantovani e Bruno Pianta

Anno di registrazione
1970
Video di presentazione

Descrizione

Cecilia è una delle ballate più conosciute e diffuse sul territorio italiano. A differenza di altri canti narrativi che sono stati importati, questa ballata sembrerebbe aver avuto origine proprio in Italia. Un canto simile, noto come La dama de Reuss o La dama implacabile o ancora La dama de Tolosa, è stato documentato in Catalogna; tuttavia, nonostante l’analogia tra i due canti, non è possibile affermare né che il canto catalano abbia avuto origine da quello italiano né che lo stesso si sia autonomamente prodotto in Catalogna. La storia narrata in questa ballata è tragica e violenta: Cecilia decide di concedersi al capitano per salvare la vita di suo marito che si trova in carcere ed è condannato a morte, ma il suo sacrificio sarà vano perché il marito verrà ugualmente giustiziato. La versione qui proposta è interpretata da Sandra Mantovani e Bruno Pianta, importanti esponenti del movimento italiano del folk revival, e costituisce la prima traccia del disco Servi Baroni e Uomini edito nel 1970.

  1. Cicilia è nelle càrcere trovare suo marì Cicilia è nelle càrcere trovare suo marì
  2. Caro marito mio na cósa t’ò da di } 2
  3. Ghe sé un capiano che’l vol dormir con mi } 2
  4. Dormi dormì Cicilia salvi la vita a mi } 2
  5. Prepara i linsòi bianchi e ’l letto ben fornì } 2
  6. Cos’è la mezzanotte Cicilia da un sospir } 2
  7. Cara Cicilia cara che ti sospir cośì } 2
  8. Mi sento una śmania al petto mi pare di morir } 2
  9. Coś’è la mezzanotte Cicilia va al balcon la vede suo marito tacato a picolón
  10. Bogia d’un capitano Ti m’à tradìo così ti me g’à tolto l’onore la vita al mio marì

 

Approfondimento
Voci e strumenti
  • Voce sola femminile
  • Chitarra
  • Mandolino
Documentazione

Bibliografia

Bonanzinga, Sergio. «La “ballata” e la “storia”: canti narrativi tra Piemonte e Sicilia». Costantino Nigra: etnologo: le opere e i giorni. Atti del convegno di studi (27-29 giugno 2008), a c. di Piercarlo Grimaldi e Gianpaolo Fassino. Torino, Omega, 2011: 159-185.

Bronzini, Giovanni Battista. «Cultura e società nei canti narrativi italiani». Lares, vol. 48, n. 1 (marzo), 1982: 12.

Cirese, M. Alberto. «Una raccolta inedita di canti popolari reatini: con una notizia sugli studi di tradizioni popolari in Sabina». Lares, vol. 20, n. 3/4 (dicembre) 1954: 102.

Giuriati, Giovanni. «Italia. A) Musica popolare». Dizionario enciclopedico della musica e dei musicisti, il lessico, vol. II. Utet, Torino, 1983: 562.

Leydi, Roberto. I canti popolari italiani. Mondadori, Verona, 1973: 256-258.

———, a c. di. Guida alla musica popolare in Italia. 2: I repertori. Libreria Musicale Italiana, Lucca, 2001:26, 56-57.

———. «Italy. II) Traditional music». New grove dictionary of music and musicians, a. c. di Stanley Sadie e Tyrrel John, vol. XII. Mcmillan, London, 2001: 665.

Settimelli, Leoncarlo. «Tornano alla luce i tesori straordinari del folk italiano». Patria indipendente, n. 6, 2006: 33-34.

Sitografia

Nigra, Costantino. «Cecilia». Canti popolari del Piemonte.

Risorse web 

Teche Rai. «Antiche canzoni epico-liriche italiane: La bella Cecilia». Teche Rai, video, 1959.

Brizio, Montinaro. «Cecilia». Archivio Sonoro, audio. Malendugno, 1978. 

Salto, Cattia. «La ballata italiana di Cecilia». Terreceltiche, blog, 2017.

Autore scheda
SA
Licenza

Licensed under Creative Commons Attribution Noncommercial Share-Alike 3.0
 

Modificato
27/01/2022

Condividi:

 

Condividi: